Archivi categoria: progetto100citta

Ravenna – Sicurezza e immigrazione: due temi da separare

Sono molto contento di poter presentare l’iniziativa di Ravenna, “Sicurezza e immigrazione: due temi da separare” proprio a pochi giorni dell’introduzione del “pacchetto sicurezza”. Anche se i due tipi di intervento non sono assolutamente confrontabili, può essere lo stesso interessante metterli vicino. Credo infatti che, se la “forma” decreto legge nasce sulla base di presupposti di necessità e urgenza, della percezione di questa urgenza se ne è parlato a lungo in queste pagine, e proprio in merito ad iniziative (quelle degli enti locali associati al FISU) che si propongono di intervenire su questo senso d’urgenza con un ottica di più lungo respiro.
E con l’aria che tira di questi tempi ho l’impressione che proporre iniziative di questo tipo, che non abbiano la “velocità di esecuzione” del decreto legge, sia alquanto complicato. Si tratta infatti di interventi meditati, che spesso vengono dipinti sul territorio, con le sue esigenze specifiche, intervenendo alla radice dei problemi, cercando di fare in modo che i nuovi assetti siano fatti per durare oltre il tempo di una campagna elettorale. Questo è proprio il caso di Ravenna a mio parere.
L’iniziativa del Comune di Ravenna è altamente articolata e complessa e mette in campo una mole di idee rilevante. L’intervento è focalizzato su su una zona particolarmente problematica, quella dei Giardini di Speyer e dell’Isola San Giovanni e su alcuni obiettivi fondamentali da raggiungere:
1. contrastare il degrado urbano
2. individuare e intervenire su gli elementi che inducono la percezione d’insicurezza nei residenti
3. fare mediazione tra i diversi fruitori delle aree e tra questi e l’Amministrazione comunale
4. attivare la partecipazione in determinate aree, animarle e quindi favorirne la riappropriazione

Per raggiungere questi obiettivi è stato stilato un piano d’intervento ben definito che mi piace immaginare come un piccolo “pacchetto sicurezza”: si è proceduto con l’istituzione di un gruppo di monitoraggio e consultazione composto da amministratori comunali, un comitato di residenti, le associazioni di categoria e un organismo di rappresentanza dei cittadini stranieri. Sono stati fatti diversi focus group, interviste in loco, osservazioni mirate, organizzate attività per bambini ed eventi in collaborazione con associazioni di categoria, organizzazioni di volontariato e associazioni culturali, anche di stranieri. E’ stato aperto un punto di ascolto chiamato CittA@attiva per azioni di mediazione dei conflitti, mediazione culturale, promozione cittadinanza attiva e animazione sociale e di un punto decentrato dell’Informagiovani rivolto agli studenti delle scuole superiori. Ed è stata fatta comunicazione con la cittadinanza in merito alle iniziative attraverso un giornale plurilingue, Città Meticcia, oltre che tramite i classici quotidiani.

L’iniziativa è stata accompagnata dalla creazione di un film documentario “Oltre il giardino”, molto interessante (potete vedere il trailer qui sopra) che è servito come lavoro preliminare di ricerca per l’apertura dello sportello di mediazione dei conflitti e per le attività di cittadinanza attiva.

Il documentario, che come traspare già dal trailer è di alta qualità e profondità, è stato realizzato da Gerardo Lamattina e Lino Greco della Democratic Digital Recordings. (link al sito) Se volete vederlo, potete richiederlo all’autore andando sul sito, o scrivendo a info@gerardolamattina.com

Vi invito inoltre a consultare tutti i documenti che mi sono stati inviati dalla responsabile del Comune di Ravenna e che potete scaricare come al solito dalla colonnina di destra del blog dedicata agli interventi delle amministrazioni.

Annunci

Livorno – Non solo nonno

Il Comune di Livorno, già passato tra i post di questo blog per il progetto “No ai bulli!”, ci presenta oggi un’ulteriore iniziativa denominata “Non solo Nonno”. I protagonisti di questo progetto sono stati 30 anziani volontari che operano sul territorio in attività di vigilanza davanti alle scuole e nei giardini pubblici.
L’idea alla base di questa iniziativa mi è sembrata quella di cercare di diminuire la generale percezione di insicurezza, garantendo nel contempo una maggiore partecipazione di una parte di cittadinanza che di solito viene sostanzialmente dimenticata e messa da parte.
Se è vero infatti che la città rappresenta un processo di continua costruzione della vita in comune, i cittadini più anziani hanno letteralmente tutta la loro esperienza di vita da mettere in gioco, ciononostante questa esperienza viene facilmente ignorata dalla comunità stessa. A Livorno hanno piuttosto pensato di valorizzarla.
Come spiega bene Fabio Ferroni, responsabile del progetto “Città Sicura”:

L’aspetto importante è che questi anziani volontari conoscono a fondo il territorio ed il suo tessuto sociale, e quindi possono essere davvero una risorsa, un trait d’union tra varie generazioni: la trasmissione della loro saggezza di nonni e dei loro “vissuti” contribuisce a rafforzare il senso di appartenenza e di rispetto verso la città

Una parte delle attività presso le quali sono impiegati gli anziani hanno a che fare con i parchi, con questi luoghi aperti e di ritrovo che spesso finiscono nelle pagine della cronaca per questioni legate all’insicurezza urbana. Qui si dedicano alla loro salvaguardia, segnalano gli atti vandalici, si cimentano in attività di sorveglianza, affrontando piccoli e grandi atti di inciviltà, comportamenti disturbanti, situazioni di marginalizzazione, cercano infine di aiutare persone in difficoltà e come spiega bene il resoconto di questa iniziativa, a volte è utile la loro semplice presenza.
Il taglio del progetto è psicologico e sociologico. L’idea è stata cioè quella di fornire ai volontari una formazione per sviluppare e consolidare le capacità relazionali e saper gestire i conflitti interpersonali. Trovandosi in una posizione di controllo e sorveglianza, ma essendo privi di qualsiasi potere giuridico, per agire efficacemente devono saper ascoltare e saper comunicare con ogni interlocutore, rapportandosi in modo diversificato a seconda che i soggetti siano bambini, giovani o anziani. L’unica arma di cui dispongono è cioè quella della persuasione e del senso civico. Armi che ancora sento di preferire ai manganelli delle ronde di quartiere.
I volontari infatti vengono coinvolti in percorsi di conoscenza e laboratori specifici condotti da esperti, come psicologi e operatori sociali, dove vengono affrontati i più importanti modelli di comunicazione, vengono sviluppate le proprie capacità relazionali e si cerca di migliorare la gestione dei rapporti attraverso l’utilizzo di strategie e modalità di superamento dei conflitti e persuasione. Un ulteriore risultato di questa preparazione specifica è stata l’attivazione di un Centro di Ascolto gestito dagli anziani volontari che hanno partecipato al progetto.

Insomma… in epoche non eccessivamente remote i membri più anziani erano depositari della memoria specifica della comunità. Ora la parola significativa, la parola che conferisce senso non è più quella degli anziani. La nostra organizzazione sociale orientata prevalentemente sulla produzione e sulla produttività tende a dimenticarsi facilmente degli individui non più produttivi a meno che non li si riesca a rivalutare in quanto consumatori. Gli anziani, collocati in ospizio o affidati alla cura di una badante vengono sostanzialmente estromessi dalle relazioni sociali significative.
E’ ancora più interessante quindi, vedere come questa partecipazione che propone il comune di Livorno, operi con uno sguardo lucido sul presente e tramite la creazione di questi spazi per la partecipazione crei nuove reti di relazione, favorendo la socializzazione degli anziani tra loro e con altre generazioni, e fornisca ruoli per poter essere ancora costruttori attivi della vita di comunità.

Caterpillar da Cremona

Ieri sono state presentate su Caterpillar le iniziative del comune di Cremona per prevenire le truffe e i raggiri agli anziani.

Trovate la puntata qui e nella sezione I Podcast di Caterpillar.

Buon ascolto

Prato – i cinesi e la nostra sicurezza / 2

Prato, come è stato spiegato bene nella trasmissione di Caterpillar del 18 aprile, con 186mila abitanti è la terza città dell’Italia centrale. Su questa base di cittadini censiti, si stima una presenza di 101 diverse nazionalità e tra regolari e non regolari, almeno 25mila individui provenienti dalla Cina. Almeno a livello quantitativo quindi ci siamo: sono tanti!
Nel precedente post mi sono chiesto perché effettivamente questa presenza destasse preoccupazione, come ho spiegato ne sento parlare molto poco a livello di criminalità, ma non metto in dubbio che la preoccupazione ci sia ed è fondamentalmente ciò che qui mi interessa. Perché anche se non riesco a spiegarmi perché un dato fenomeno preoccupa, ciò non significa che le cause di quell’insicurezza non devono essere indagate. Inoltre trovo molto interessanti i commenti di chi può avere un approccio teorico o di chi conosce la problematica di prima mano (come è avvenuto qui).
L’iniziativa che il comune di Prato ha deciso di intraprendere nel novero dei progetti legati al Forum Italiano per la Sicurezza Urbana è legata, come anticipavo nel precedente post, all’economia clandestina dei laboratori cinesi che confezionano i tessuti. Questi laboratori rappresentano l’ultima catena di una serie di subappalti che partono direttamente dalle richieste soprattutto di grandi marchi italiani, non producono quasi più cioè le classiche imitazioni di cui si parlava tanto fino a qualche anno fa, ma abiti di marca e pronto moda.
Nella trasmissione radio potete seguire l’intervento in una fabbrica di tessuti della periferia nord di Prato. In questo caso, diversamente dagli altri presentati nel blog, il comune di Prato ha posto l’accento sia sul momento preventivo sia su quello repressivo. Ovvio che l’integrazione di questi due livelli di intervento è sempre presente, ma da quello che mi è parso di capire, il fuoco delle iniziative legate al Fisu è soprattutto sulla prevenzione, la partecipazione e l’inclusione. E’ pur vero che le ricette della prevenzione non possono prescindere dal rispetto delle regole necessarie alla convivenza.
Come potrete ascoltare anche nella puntata di Caterpillar scaricabile dalla sezione podcast, gli interventi dal lato della prevenzione a Prato sono piuttosto interessanti: viene fatta formazione tra gli operatori delle polizie municipali al fine di insegnare a conoscere e capire le tradizioni delle popolazioni e i possibili e diversi approcci alla nostra struttura sociale; vengono predisposte indagini sugli immigrati di seconda generazione, soprattutto tra i bambini nelle scuole; è stato esteso nelle regione Toscana il servizio sanitario e sociale a tutti, compresi i clandestini e inoltre si cerca di conoscere il livello d’integrazione dal punto di vista economico, imprenditoriale e lavorativo, per cercare di capire come è possibile sostenere le piccole attività artigianali.
Per quanto riguarda invece i controlli sulle aziende artigianali, Prato interviene con un’organizzazione interforze, dove Polizia, Vigili del Fuoco, Carabinieri, Ispettorato del Lavoro, I.N.P.S., Guardia di Finanza e A.S.L. collaborano insieme. Le ispezioni vengono fatte 2/3 volte a settimana. Viene controllata la validità dei documenti, valutato se i macchinari e se lo stabile è a norma e nel caso di infrazioni vengono posti i sigilli.
Tutto sommato la mia opinione è che il risultato ottenuto è duplice: uno forse più palese, che è quello di diminuire la percezione di insicurezza dei cittadini di Prato, comunicando loro credo anche indirettamente che le istituzioni sono presenti sul territorio e cercano di garantire il rispetto della legalità; dall’altra il risultato forse secondario è quello di contribuire alla sicurezza dei lavoratori cinesi stessi, i cui datori di lavoro non credo brillino per sensibilità rispetto al problema degli incidenti sul lavoro.

Livorno – No ai bulli!

     Di bullismo negli ultimi anni si è discusso a sufficienza e pensavo che non avrei avuto difficoltà ad entrare nell’argomento. Ricordavo bene, infatti, tutta una serie di vicende che in poco tempo avevano permesso alla questione di salire la “classifica” affollata delle emergenze nazionali: l’aggressione al ragazzo affetto dalla Sindrome di Down; la svastica incisa sul braccio di una ragazzina a Biella; i racket delle merendine; le estorsioni di denaro; le baby gang; gli studenti costretti a comprare droga, gli atti di vandalismo, le violenze sessuali, i suicidi a seguito dei maltrattamenti. 

     L’aver messo in fila questa serie di eventi però, non ha semplificato le cose. Non capivo perché venissero messe nella stessa categoria (bullismo) le merendine rubate e violenze così inconcepibili; e parlando con i miei interlocutori rimanevo con la sensazione di un fenomeno che ci tocca troppo intimamente perché si possa essere in grado di esprimere opinioni con il giusto distacco. In altre parole:

1) Cos’è “bullismo”? Chi è “il bullo”? Se queste vicende sono state etichettate come “atti di bullismo”, quand’è che si sfocia nel crimine vero e proprio e quando si può parlare di criminale?

2) Abbiamo quasi tutti conosciuto il bullismo, se non come aggressori, almeno come vittime o come osservatori. Quindi il fenomeno non può essere così recente. Ma è forse per questo che riteniamo di poter dire tutti qualcosa in merito, anche quando in verità non disponiamo dei mezzi necessari e ci dividiamo facilmente tra l’idea che si tratta di normali conflitti fra coetanei e l’idea che sono comportamenti da reprimere; non sappiamo se attribuire la colpa alle istituzioni scolastiche o alle famiglie; non capiamo se è cambiata la società, o sono cambiati i mezzi di comunicazione e se al di là della gravità dei fatti, questi ragazzi alla fine bisogna punirli o bisogna capirli.

      Per questo motivo ho trovato molto utile l’iniziativa intrapresa dal Comune di Livorno che qualche giorno fa mi ha inviato il materiale relativo al loro progetto “No ai bulli!”. Se nel dibattito sulla sicurezza, il problema in questione viene affrontato spesso in maniera approssimativa, fermandosi alle sue manifestazioni esteriori, all’evento tragico, alla notizia e alle preoccupazioni che desta, a Livorno è stato tentato un approccio prettamente scientifico. L’iniziativa nasce all’interno del progetto “Città sicura”. Lo staff del progetto collabora con le circoscrizioni, con le istituzioni scolastiche e con il Settore Attività Educative del Comune e l’importante tentativo di prevenire il fenomeno del bullismo rientra in una serie di attività che hanno come obiettivo anche l’educazione alla legalità, alla partecipazione attiva e all’intercultura. Nello specifico, Ersilia Menesini e Simona Pagnucci, due ricercatrici del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Firenze hanno condotto un’interessante ricerca con 461 ragazzi e ragazze di 5 scuole medie di Livorno, denominata Crescere con fatica. Comportamenti vissuti ed emozioni a rischio nel contesto scolastico. E’ stata indagata la realtà sociale ed emozionale vissuta dai ragazzi, sono stati utilizzati strumenti come il Seattle Personality Inventory che come specificato nella ricerca:

consente la rilevazione non solo dei problemi relazionali e di condotta, ma anche di quelle manifestazioni sintomatologiche che, come l’ansia, la depressione e i disturbi psicosomatici, costituiscono gli aspetti più rilevanti del disagio psicosociale sommerso in età evolutiva.

Inoltre è stato utilizzato un questionario sull’intelligenza emotiva, utile per misurare il grado di conoscenza che i ragazzi possiedono circa il significato e le funzioni delle emozioni.

     Sono molteplici gli strumenti messi in campo e nel saggio di 60 pagine vengono presentati numerosi grafici esplicativi e, cosa più importante, la chiusura è dedicata a delle proposte di intervento, sia per la prevenzione del fenomeno che per abbassare il livello d’allarme quando il disagio è già presente: interventi sulla competenza emotiva; per promuovere il riconoscimento delle emozioni; per promuovere l’abilità di assumere la prospettiva dell’altro e sulla competenza sociale.

     Per concludere, “No ai bulli!” è anche un filmato realizzato dai membri del Consiglio dei ragazzi della Circoscrizione 5.

     Che dire? Anche in questo caso, come negli altri analizzati finora sono rinfrancato dall’esistenza di iniziative tanto profonde e radicate, quanto poco pubblicizzate dai media più importanti.

Ps: venerdì è andato in onda il 6° appuntamento con Caterpillar, questa volta da Pesaro. Trovate la puntata da scaricare nella solita sezione I podcast di Caterpillar. A breve un resoconto. Questa volta da quelle parti c’ero anch’io.

Modena – Progetto tifosi

Ogni volta in cui mi capita di guardare il rugby in televisione, rimango affascinato dai tifosi di questo sport. Io, che seguo il calcio ormai occasionalmente, stanco come sono di tutto il business che ci gira intorno, capisco che i tifosi di rugby non sono che il riflesso della correttezza e della dignità dei giocatori: praticano uno sport fisico fino all’estremo, ma sembrano non rinunciare mai al rispetto delle regole e dell’avversario. Che posso pensare allora delle macchiette che passeggiano sui nostri campi di calcio? Niente. Anche se sono strapagati, troppo pettinati, senza contegno, senza dignità e senza sportività, io in quanto tifoso dell’Inter fin da bambino sono condannato al calcio, alle sue moviole infinite, ai fuorigioco millimetrici, a Biscardi e ai suoi commentatori che non la smettono di sovrapporsi. E lo stadio non mi è mai sembrato un luogo particolarmente sicuro: quello scooter volato giù dalla curva di San Siro qualche anno fa ad esempio, non ha fatto altro che rafforzare una sottile sensazione di pericolo che non mi ha mai veramente lasciato. E’ per questo che mi sono chiesto come hanno fatto a Modena a pensare di unire tifo e sicurezza? Cosa gli sarà mai venuto in mente? Non lo sapevano che gli ultrà sono irredimibili?

In verità le iniziative prese a Modena come le altre legate al FISU, nascono dalla consapevolezza che con lo sguardo sempre fisso sulla repressione non si va molto lontano e quando ho scaricato dal sito del Comune di Modena i resoconti sulle loro attività, in particolare Il Tifoso protagonista della sicurezza e Ultrà oltre il 90° ho capito che volendo c’è molto che si può fare.

Non basta un post per raccontarle, le idee sono molte, come quella che vuole la difesa del tifo come parte della cultura popolare; l’idea che il lavoro per limitare la violenza e l’intolleranza debba essere fatto insieme ai tifosi; il coinvolgimento delle scuole e dei genitori per l’educazione al tifo non violento; la partecipazione alla rete internazionale del F.A.R.E. (Football Against Racism in Europe); l’organizzazione di dibattiti, con la visione di film a tema, di mostre e presentazioni di libri; le campagne di sensibilizzazione contro lo spostamento del calendario al sabato pomeriggio; il tentativo di rendere più attive le polisportive (considerate come risorse); il coordinamento fra le tifoserie per ridurne la conflittualità e individuare i problemi che hanno in comune; la realizzazione di un centro di aggregazione per i tifosi.

Solo un piccolo elenco, con la speranza di riuscire a tornarci su. Intanto mi sento proprio di consigliare di scaricare questi progetti, copiarli, provare a fare come Modena. Queste esperienze sono qui a disposizione e altre amministrazioni potrebbero pensare alla loro applicabilità nel loro contesto. O forse già lo stanno facendo, non saprei… se dovessi basarmi solo su quello che vedo nei telegiornali e nelle trasmissioni sportive, rimarrei con l’idea di un mondo (quello degli ultrà) dove l’unica soluzione sembrano i tornelli e il conflitto è sempre sul punto di esplodere. Ma forse la verità è che non tutto viene raccontato e guardando a Modena c’è molto che si può fare.

Caterpillar

 

Ieri sera, alle 18, è andato in onda su Radio2 il 5° appuntamento di Caterpillar con le città associate al Forum Italiano per la Sicurezza Urbana. Anche Caterpillar, infatti, come questo blog percorre una sorta di viaggio attraverso le città sicure. Il percorso di Caterpillar è iniziato il 25 gennaio da Siena ed è poi proseguito il 1 febbraio a Lainate in provincia di Milano, l’8 febbraio a Modena e il 26 febbraio ad Argenta in provincia di Ferrara. L’inviata della trasmissione, Laura Troja, sviluppa i temi della sicurezza trattati dagli enti locali intervistando i protagonisti delle iniziative.
Il collegamento di ieri ha visto come protagonista Milano, che ha presentato un interessante progetto di mediazione finalizzato alla risoluzione dei conflitti. Troverete presto qui un resoconto della puntata e degli altri appuntamenti andati in onda sin ora. Intanto, per ascoltare le precedenti trasmissioni potete cliccare sulla sezione I PODCAST DI CATERPILLAR in cima al blog, oppure in basso a destra sul banner FISU’s podcast. Buon ascolto.