Archivi tag: modena

100Città per la Sicurezza – gli eventi

E’ iniziata la seconda edizione di “100Città per la Sicurezza”.
Sul sito del Fisu potete trovare l’aggiornamento di tutte le manifestazioni cittadine in corso.

Ecco qua una prima lista degli eventi:
Tutta la settimana (16/22) – LIVORNO – “Sicuri insieme: percorsi di sicurezza partecipata”
Tutta la settimana (16/22)– LAINATE – “Lainate per la sicurezza: una settimana per vivere la città”
7 – CREMONA – Presentazione del volume del FISU “100 idee per la sicurezza”
8 – CASTENASO – Biciclettata in sicurezza
14 – REGGIO EMILIA – “Amo reggio in zona stazione: progetti per riqualificazione e la costruzione di identità civica”
14 – BOLOGNA – “Borgo Block Party”
14 – PROVINCIA DI LA SPEZIA (e comuni della provincia) – Presentazione del volume del FISU “100 idee per la sicurezza”
17 – TOSCANA – “I nuovi volti delle città e la sicurezza urbana”
18 – MARCHE – “Sicurezza urbana: esperienze e buone pratiche attraverso l’analisi di modelli organizzativi e gestionali della sicurezza”
18 – LIGURIA – Presentazione rapporto annuale
18 – ALESSANDRIA – Operazione sicurezza PM
18 – PROVINCIA MACERATA – Sportello informativo in piazza
19 – MODENA – “Mediazione penale: fattibilità di un progetto di sperimentazione
19 – CASALPUSTERLENGO – Incontro in piazza “Vivere la città, i colori delle regole”
20 – EMILIA ROMAGNA – “Progettazione degli spazi pubblici e sicurezza”
20 – MONTEGRANARO – “Stappa la vita”
20 – TERRE VERDIANE – Incontro con i cittadini e presentazione della guida sulla sicurezza”
20 – CHIARAVALLE – Incontro con i cittadini sui servizi dell’amministrazione in tema di sicurezza”
20 – FIDENZA – “Per una città sicura: “Osservazioni, metodi e risultati”
21 – TRENTO – Punto informativo al parco in occasione della manifestazione “Spazio al parco”
21 – SARZANA (SP) – Simulazione del funzionamento del CCTV
21 – PRATO – “Sicuri e informati”
21 – S. LAZZARO DI SAVENA – Mostra delle vignette sulla sicurezza e apertura dello sportello sociale
21 – S. BENEDETTO DEL TRONTO – “Notte bollente” (servizi di strada per prevenzione alla guida+alcool)
21 – PESARO – “Notte bianca” (servizi di strada per prevenzione alla guida+alcool)
21 – BELLARIA (e comuni della provincia di Rimini) – Safe Day: Incontro col mondo giovanile
23 – RAVENNA –“ Notte delle streghe” e apertura dello Sportello Citt@Attiva
25 – CHIARAVALLE – “A9.CittàSicura: Sicurezza è libertà di essere”
1 luglio – MEDICINA (BO) – “Tanto non capiterà mai a me”
data da definire – SENIGALLIA – “Viaggio sicuro al termine della notte”
data da definire – PROVINCIA MILANO – Presentazione del volume sulla storia della Polizia Provinciale
data da definire – CASALPUSTERLENGO (LO) – Iniziativa con i giovani sul territorio
data da definire – PIACENZA – Riqualificazione urbana e spazi per i giovani

Modena – Progetto tifosi

Ogni volta in cui mi capita di guardare il rugby in televisione, rimango affascinato dai tifosi di questo sport. Io, che seguo il calcio ormai occasionalmente, stanco come sono di tutto il business che ci gira intorno, capisco che i tifosi di rugby non sono che il riflesso della correttezza e della dignità dei giocatori: praticano uno sport fisico fino all’estremo, ma sembrano non rinunciare mai al rispetto delle regole e dell’avversario. Che posso pensare allora delle macchiette che passeggiano sui nostri campi di calcio? Niente. Anche se sono strapagati, troppo pettinati, senza contegno, senza dignità e senza sportività, io in quanto tifoso dell’Inter fin da bambino sono condannato al calcio, alle sue moviole infinite, ai fuorigioco millimetrici, a Biscardi e ai suoi commentatori che non la smettono di sovrapporsi. E lo stadio non mi è mai sembrato un luogo particolarmente sicuro: quello scooter volato giù dalla curva di San Siro qualche anno fa ad esempio, non ha fatto altro che rafforzare una sottile sensazione di pericolo che non mi ha mai veramente lasciato. E’ per questo che mi sono chiesto come hanno fatto a Modena a pensare di unire tifo e sicurezza? Cosa gli sarà mai venuto in mente? Non lo sapevano che gli ultrà sono irredimibili?

In verità le iniziative prese a Modena come le altre legate al FISU, nascono dalla consapevolezza che con lo sguardo sempre fisso sulla repressione non si va molto lontano e quando ho scaricato dal sito del Comune di Modena i resoconti sulle loro attività, in particolare Il Tifoso protagonista della sicurezza e Ultrà oltre il 90° ho capito che volendo c’è molto che si può fare.

Non basta un post per raccontarle, le idee sono molte, come quella che vuole la difesa del tifo come parte della cultura popolare; l’idea che il lavoro per limitare la violenza e l’intolleranza debba essere fatto insieme ai tifosi; il coinvolgimento delle scuole e dei genitori per l’educazione al tifo non violento; la partecipazione alla rete internazionale del F.A.R.E. (Football Against Racism in Europe); l’organizzazione di dibattiti, con la visione di film a tema, di mostre e presentazioni di libri; le campagne di sensibilizzazione contro lo spostamento del calendario al sabato pomeriggio; il tentativo di rendere più attive le polisportive (considerate come risorse); il coordinamento fra le tifoserie per ridurne la conflittualità e individuare i problemi che hanno in comune; la realizzazione di un centro di aggregazione per i tifosi.

Solo un piccolo elenco, con la speranza di riuscire a tornarci su. Intanto mi sento proprio di consigliare di scaricare questi progetti, copiarli, provare a fare come Modena. Queste esperienze sono qui a disposizione e altre amministrazioni potrebbero pensare alla loro applicabilità nel loro contesto. O forse già lo stanno facendo, non saprei… se dovessi basarmi solo su quello che vedo nei telegiornali e nelle trasmissioni sportive, rimarrei con l’idea di un mondo (quello degli ultrà) dove l’unica soluzione sembrano i tornelli e il conflitto è sempre sul punto di esplodere. Ma forse la verità è che non tutto viene raccontato e guardando a Modena c’è molto che si può fare.

Caterpillar

 

Ieri sera, alle 18, è andato in onda su Radio2 il 5° appuntamento di Caterpillar con le città associate al Forum Italiano per la Sicurezza Urbana. Anche Caterpillar, infatti, come questo blog percorre una sorta di viaggio attraverso le città sicure. Il percorso di Caterpillar è iniziato il 25 gennaio da Siena ed è poi proseguito il 1 febbraio a Lainate in provincia di Milano, l’8 febbraio a Modena e il 26 febbraio ad Argenta in provincia di Ferrara. L’inviata della trasmissione, Laura Troja, sviluppa i temi della sicurezza trattati dagli enti locali intervistando i protagonisti delle iniziative.
Il collegamento di ieri ha visto come protagonista Milano, che ha presentato un interessante progetto di mediazione finalizzato alla risoluzione dei conflitti. Troverete presto qui un resoconto della puntata e degli altri appuntamenti andati in onda sin ora. Intanto, per ascoltare le precedenti trasmissioni potete cliccare sulla sezione I PODCAST DI CATERPILLAR in cima al blog, oppure in basso a destra sul banner FISU’s podcast. Buon ascolto.