I cinesi e la nostra sicurezza

La questione dello sfruttamento del lavoro nel settore della manifattura tessile è un tema che da diverso tempo ha attirato la mia attenzione. Innanzi tutto da un punto di vista sociologico: basti pensare agli eccezionali mutamenti in atto nell’economia e nella società cinese e indiana che si accompagnano sia a fenomeni di sfruttamento della manodopera che a fenomeni di estrema valorizzazione delle sue capacità intellettuali (settore delle nuove tecnologie), che nel contempo fanno necessariamente leva su premesse culturali e religiose. (Federico Rampini è da questo punto di vista uno dei più importanti osservatori a nostra disposizione).

In secondo luogo, è innegabile che la Cina e le sue vicende sono sempre più presenti nei nostre discussioni, a partire da quelle da bar fino ad arrivare ai salotti politici televisivi: l’invasione del “Made in China”, i problemi con i quartieri a prevalenza abitativa cinese (le Chinatown), il governo cinese e il Tibet ecc…

Da parte mia credo molto nell’approccio critico al consumo: sulla necessità in quanto cittadini di essere anche consumatori responsabili in base alle informazioni di cui si dispongono. Da questo punto di vista comprare un capo “Made in China” significa spesso, oltre che avallare l’invasione di cui sopra, anche fruire di un processo di produzione che priva letteralmente di umanità gli individui che vi partecipano. Recentemente Doc3, condotto da Fabio Volo, ha trasmesso l’eccezionale documentario di Micha X.Peled, China Blue, promosso in Italia dalla Campagna Abiti Puliti, dove vengono presentate le vicende di una 14enne cinese che come molte altre sue coetanee lascia il suo villaggio per raggiungere la costa orientale e lavorare nell’industria del tessile, con orari impossibili, salari da fame, vivendo in dormitori sovraffollati adiacenti alle aziende stesse.
Ma a parte la mia personale visione, è evidente che la sensibilità pubblica vede il tema “Cina” soprattutto dal lato del pericolo, pericolo per comunità vengono percepite come nuclei isolati dal resto della città, con cui non si comunica e che occupano più o meno velocemente interi quartieri. Report con il documentario Schiavi del Lusso, ha recentemente toccato bene il tema e ha reso l’idea di un’imprenditorialità cinese selvaggia, senza limiti, che sfrutta anche qui come in Cina una massa di operai stivata in aziende dove uomini, donne e bambini lavorano e convivono, dormono in stanze nascoste in doppie pareti senza finestre, ignorando qualsiasi norma sull’abitabilità e sull’igiene. Ma ha anche mostrato la connivenza dei nostri marchi tessili più importanti che utilizzano queste imprese per tagliare i prezzi di produzione di abiti che poi vengono etichettati “Made in Italy”, ingannando così due volte i compratori.

Cosa c’entra questo con la sicurezza? Intanto è una domanda che faccio a chi legge questo blog. Di tutti i fenomeni migratori, quello cinese è forse uno dei più particolari. Si sente raramente parlare di questa popolazione nella cronaca riguardante la criminalità. Non ho una buona memoria forse, ma ricordo solamente la famosa “guerriglia di Chinatown” di un anno fa, a Milano. Lo stesso, le comunità cinesi preoccupano. Perché? Per il loro isolamento, come dicevo prima? Perché sono in tanti? Perché non si sa come arrivano e come se ne vanno?. Beh… ho deciso di dividere questo post in due parti, quindi a breve il seguito che tratterà dell’iniziativa della città di Prato. Perché la zona di Prato è probabilmente il caso più rappresentativo di questa situazione. Per commentare, intanto, cliccate su comment in cima al post. (continua…)

Annunci

5 risposte a “I cinesi e la nostra sicurezza

  1. Provo a dare una piccolissima risposta alla tua domanda. Mi sembra abbastanza chiaro che l’immigrazione cinese in Italia non incida molto sulla percezione della sicurezza, o meglio dell’insicurezza. La cronaca riporta frequentemente casi legati ad altre provenienze… E visto che ciò che sappiamo del mondo lo sappiamo dai mass media (Luhmann docet) siamo portati a dirottare le nostre paure verso altre direzioni.

  2. Non saprei. Mi chiedo se i grandi numeri della zona di Prato (che specificherò nel prossimo post) non generino in sé preoccupazione. Anche per questo considero il caso cinese come caso particolare. Soprattutto, credo che evidenzi una specie di cortocircuito dove le varie sfaccettature del concetto di sicurezza – legato sì alla criminalità, ma anche evidentemente alla precarietà del lavoro, alle prospettive esistenziali ecc… – finiscono per influenzarsi a vicenda e a convogliare l’attenzione pubblica su determinati soggetti. E’ indubbio comunque che nel caso delle aziende cinesi clandestine, determinati crimini vengono commessi. Grazie per il primo commento…

  3. Provo a dare una possibile lettura del legame sicurezza – cinesi. A Modena è stata realizzata una ricerca sui temi della criminalità economica. Una parte dell’indagine è stata realizzata attraverso una serie di interviste ad opinion leader – rappresentati associazioni economiche, FF.OO e Sindacati. Il primo argomento emerso è stato la concorrenza sleale realizzata da parte di aziende cinesi. Cito solo una frase “noi ci troviamo imprese italiane che oggi non riescono a stare dietro a pagare i dipendenti, a pagare le tasse, perchè i prezzi dei cinesi sono etremamente concorrenziali…..hai visto l’ultima operazione che ha fatto la GdF a Carpi con i cinesi? Incide sull’economia in quanto chi commette tali reati mette le aziende sane in condizioni di svantaggio, è come mettere una mela bacata in un cesto di mele buone, si fa marcire pian piano il sistema”.
    La percezione di insicurezza è sicuramente influenzata da altri elementi, come sottolineavi tu, quali ad esempio la precarietà e la non sicurezza di un guadagno economico. Ecco allora che la concorrenza sleale mina il sistema produttivo e di conseguenza la stabilità di una economia che si basa principalmente sulla piccola media impresa.
    Inoltre, il fatto che la percezione che alle imprese cinesi tutto sia concesso (evasione fiscale, lavoro nero, sfruttamento minorile etc) di sicuro non aiuta e non invoglia le imprese sane a rispettare la legalità.

  4. Il suo intervento è molto interessante. Credo si debba prestare molta attenzione alle percezioni e in questo senso l’intervista agli opinion leader è uno strumento molto utile. Serve anche ad avere un quadro più aggiornato possibile di una percezione mutevole nella quale confluiscono esperienze dirette, informazioni recuperate dai media, e vecchi schemi concettuali. La situazione mi sembra molto complessa: concordo sull’idea che la concorrenza sleale mini il sistema produttivo, d’altronde come è stato spiegato bene nella puntata di Caterpillar, il costo delle operazioni di controllo è rilevante. Purtroppo credo che le piccole imprese subiscano forme di concorrenza “sleale” a vari livelli, penso ai grandi sistemi di distribuzione e al loro sviluppo in Italia negli ultimi anni. Ma non vorrei uscire troppo dall’argomento del blog e anzi, invito a commentare chiunque abbia opinioni, possibili letture della questione e storie da raccontare.

  5. Pingback: Anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...